PRIN 2010-2011
Year:2014

PRIN 2010-2011 – Corti, dottrina e società inclusiva

La ricerca intende soffermarsi sull’influenza che la dottrina, luogo importante di elaborazione del pensiero giuridico e della sua potenziale apertura alle esigenze sociali, esercita sulla giurisprudenza delle Corti internazionali, sovranazionali e nazionali. L’azione esercitata dagli orientamenti dottrinali sarà valutata verificando se e quanto la dottrina sia citata o – anche solo implicitamente presa in considerazione nella redazione delle decisioni nelle Corti dei Paesi europei ed extraeuropei. L’analisi sarà condotta con specifico riferimento alla lotta contro le diverse forme di separazioni, discriminazioni e disuguaglianze, quali le disuguaglianze di genere e i divari digitali o innovativi.
In concreto, la ricerca si propone dunque di verificare:

  • in quale misura il formante dottrinale compenetri quello giurisprudenziale nei diversi ordinamenti, attraverso la ricerca di citazioni di letteratura giuridica nelle sentenze delle Corti costituzionali supreme, europee, internazionali, e nazionali. A tal fine verranno analizzati anche casi in cui non siano presenti, del tutto o in misura non significativa, citazioni dottrinarie, nel tentativo di individuare i motivi alla base della chiusura esplicita fra i due formanti (per espresso impedimento normativo, per motivi linguistici o culturali, per la scarsità degli strumenti di ricerca bibliografica o per l’arretratezza tecnologica, e così via
  • quale funzione svolga la citazione dottrinaria nella motivazione delle decisioni negli ordinamenti nei quali si riscontri l’influenza del formante dottrinale;
  • per gli stessi ordinamenti, se e come la dottrina si sia posta come fattore di diffusione di teorie volte a garantire una maggior protezione dei diritti fondamentali, compresi quelli sociali, e di promozione dell’inclusione sociale;
  • quali siano gli elementi determinanti della circolazione del formante dottrinale nella giurisprudenza costituzionale, di legittimità ed internazionale/europea, ovvero, cosa determini il “successo” di una particolare dottrina o teoria giuridica a livello internazionale.

I documenti selezionati andranno a popolare un archivio digitale arricchito da una ricca serie di metadati che consentiranno la ricerca dei provvedimenti in base ai molteplici profili, costituendo una preziosa fonte di informazione e di monitoraggio del fenomeno.

Coordinatore del progetto: Prof. O. Porchia Università degli Studi di Torino

Università partecipanti: Università degli Studi di Bologna, Calabria, Pisa, Verona, Padova , Napoli, Firenze, Piemonte orientale, Palermo, Perugia, Camerino