Informatica e diritto, XV Annata, Vol. XV, 1989, n. 1, pp. 105-113

Giancarlo Taddei Elmi

Informatica e scienza giuridica: dalle banche dati informative ai sistemi decisionali

L'evoluzione irreversibile del processo d'informatizzazione della societÓ coinvolge anche il mondo del diritto, a livello sia informativo che gestionale e decisionale.
A livello informativo continuano a moltiplicarsi, in Italia come in tutta Europa, strumenti di raccolta e reperimento automatico delle informazioni, sia su main frame che su personal computer, sia per iniziativa pubblica che privata. In questo periodo di grandi innovazioni nell'ambito dei codici di rito italiani - per cui si richiedono una nuova apertura mentale e nuove forme di produzione della giustizia - sembra per˛ necessario riflettere anche sui sistemi esperti; l'incontro tra diritto e informatica, infatti, accanto ai risultati documentario-informativi sta aprendo anche nuove prospettive verso la decisionalitÓ automatica. Non Ŕ ormai lontano il giorno in cui i sistemi informativi giuridici cesseranno d'essere solo archivi di dati per divenire strutture logiche aperte, percorribili in varie direzioni, secondo strategie (dette motori inferenziali) capaci di fornire conclusioni giuridicamente valide. Si aprirebbe, dunque, una prospettiva di "fanta-diritto" in cui, ipotizzando la creazione d'automi giuridici decidenti, potrebbe almeno in parte avviarsi a soluzione anche il problema dei cronici ritardi della giustizia italiana.

vai al testo integrale / see full text