Informatica e diritto, XXIII Annata, Vol. VI, 1997, n. 2, pp. 143-202

Salvatore Resta

Informatica, telematica e computer crimes

Sommario: Il diritto penale dell'informatica. Il problema della sicurezza informatica. Leggi penali sull'informatica. Profili costituzionali della legge 547/1993, in tema di criminalità informatica. Legge 23 dicembre 1993, n. 547, "Modificazioni ed integrazioni alle norme del Codice penale e del Codice di procedura penale in tema di criminalità informatica". Note illustrative della legge 23 dicembre 1995, n. 547. - Art. 615 ter c.p.. Inquadramento sistematico. Misure di sicurezza. Nozione di accesso abusivo o intrusione. Nozione di sistema informatico. Ipotesi aggravate. Sistemi c.d. critici. E' prevista una maggiore tutela penale. - Art. 615 quater c.p.. Obiettivo della norma. Misure di sicurezza. - Art. 615 quinquies c.p.. I virus informatici. Considerazioni generali. Contenuto e obiettivo della norma. L'attenzione del giurista per la dinamica delle infezioni da virus informatici. Art. 616 comma 4 c.p.. Dinamica del reato. Estensione ad altre norme della nozione di corrispondenza informatica. Dubbi interpretativi e problemi applicativi. - Art. 617 quater c.p.. Abusiva intercettazione informatica e telematica. - Art. 617 quinquies c.p.. - Art. 617 sexies c.p.. La frode nel computer. Struttura della fattispecie criminosa.

vai al testo integrale / see full text