Informatica e diritto, XIII Annata, Vol. XIII, 1987, n. 3, pp. 163-171

Enrico Pattaro, Giovanni Sartor

La "Legal Philosophical Library"

Presso l'Istituto "Antonio Cicu" della Facoltà di giurisprudenza dell'Università di Bologna è in funzione un sistema per la gestione automatica di una base di dati bibliografici, denominata "Legal Philosophical Library". Il progetto complessivo prevede però anche la realizzazione di numerosi altri archivi.
L'archivio principale è composto da un insieme di schede bibliografiche tra loro omogenee, che possono riferirsi a opere di vario tipo. Al fine di agevolare la registrazione e il reperimento dei dati, tali schede sono state distinte in dieci categorie (opera intera,  opera parte, recensione, curatela e apparato; ciascun tipo di scheda, inoltre, può riferirsi ad opere contenute in un libro o in una rivista).
Ogni singola scheda, contrassegnata con un codice d'identificazione, può contenere - oltre all'indicazione del tipo dell'opera schedata, dell'autore e del titolo - il nome della casa editrice, i riferimenti bibliografici, una breve descrizione del contenuto dell'opera e altre informazioni di corredo, quali la traduzione del titolo e la segnalazione della lingua d'origine, della fonte dei dati contenuti nella scheda e di eventuali caratteristiche particoalri del documento contenente l'opera.
Il sistema realizzato consente il reperimento dei documenti mediante dodici canali di ricerca (tipo del documento, materia, titolo, sommario, opera contenente, cognome e nome dell'autore, anno d'edizione, lingua, rivista in cui l'opera è contenuta, casa editrice, identificatore), che possono essere combinati tra loro per mezzo degli operatori booleani AND, OR e NOT).
Nell'archivio bibliografico le informazioni sono memorizzate in un file principale (i cui records contengono ciascuno una scheda bibliografica) e in tre files secondari collegati al file principale. L'immissione dei dati avviene solo dopo che,  negli appositi archivi di lavoro, sono stati eseguiti tutti i controlli necessari a verificarne la correttezza.
Oltre all'archivio bibliografico, il sistema  - basato sull'impiego di un elaboratore Cromemco, del corrispondente software di base Cromix e di adeguati pacchetti operativi - comprende il thesaurus, il dizionario e una serie di altri archivi contenenti informazioni relative alle case editrici, alle riviste, agli ordinativi e all'indirizzario.

vai al testo integrale / see full text