Informatica e diritto, XXXV Annata, Vol. XVIII, 2009, n. 1, pp. 47-61

Antonio A. Martino

Libertà e regolazione in Internet. A proposito della Governance

Lo scopo di questo lavoro è mostrare che si può presentare Internet come un sistema, interessandosi quindi tanto alla sua governance che al suo governo. Con riguardo alla governance di Internet, si sosterrà che, poiché solo all’interno di un complesso condiviso di regole si può attuare la libertà in/di Internet, la sua regolazione dovrebbe essere la più universale possibile data la natura dell’oggetto regolato (senza dimenticare i contesti sociali e politici in cui tali regole verranno attuate) e la più sobria possibile, nel rispetto del principio per cui è bene che la legislazione sia avara di parole. Con riguardo al governo di Internet, si sottolineerà innanzitutto l'urgenza di affrontare il tema della regolazione del governo della Rete. A tal fine, Internet verrà concepito come un sistema che presenta le seguenti caratteristiche: - la descrizione della composizione (C), dell'ambiente (E), della struttura (S) e del meccanismo (M) del sistema; - l'adattamento, che è determinato dal rapporto del sistema con l'ambiente esterno, all'interno del quale si trova e con il quale, a sua volta, interagisce; - il perseguimento degli obiettivi cui il sistema è preposto, mediante la mobilitazione delle energie necessarie; - l'integrazione, che è definita dalle azioni che aiutano a mantenere la coerenza del sistema. Trattare Internet come un sistema ci consentirà di esaminare i suoi elementi peculiari, e cioè l’ambiente, la struttura e il meccanismo, oltre che di studiare le sue procedure interne e di verificare che anche sotto il profilo giuridico-politico Internet di presenta come un insieme degno di speciale attenzione, perché mai studiato sistemicamente. Ed è un peccato, perché dall'ottica del sistema è più facile rilevare quali siano le caratteristiche e le pratiche che favoriscono la sua coesione ed il suo sviluppo e quali, al contrario, ne minacciano la sopravvivenza. Meglio ancora, per un'analisi giuridico-politica considerare Internet come sistema ci consentirà di discutere concretamente su quale parte dei componenti o del rapporto con l’ambiente o della propria struttura e soprattutto il meccanismo si possa migliorare. Tutto ciò per mettere in evidenza come poco si sta facendo in materia di governo di Internet, mancando ancora a livello internazionale uno status giuridico definito. Uno status che riconosca la sua universalità e quindi renda più difficili gli interventi intempestivi degli Stati nazionali contrari allo sviluppo, all'utilità e, in una parola, alla libertà di/in Internet.

Sommario: 1. Introduzione - 2. Il governo di Internet - 3. I casi limite - 4. La legislazione - 5. La giurisprudenza - 6. Conclusione veloce

vai al testo integrale / see full text