Versione PDF

    NUOVA SCADENZA PER L'INVIO DELL'ABSTRACT


Call for paper

Numero speciale della rivista internazionale

Informatica e Diritto

su:

źDiritto e scienze sociali computazionali╗


a cura di

Sebastiano Faro e Nicola Lettieri


Nel corso degli ultimi 50 anni, i progressi compiuti dalla scienza e dalle tecnologie dell’informazione, insieme all’emergere di nuovi paradigmi di comprensione della realtÓ, non da ultimo quello offerto dalle scienze della complessitÓ, hanno indotto una significativa trasformazione nello studio dell’uomo e della societÓ.

Le scienze sociali hanno visto il graduale affermarsi di una nuova prospettiva di ricerca in cui la spiegazione dei fenomeni sociali Ŕ sostanziata non pi¨ solo dalla formulazione di teorie espresse verbalmente, ma dal ricorso al linguaggio formale e operazionale della computazione, dalle simulazioni e da un uso della tecnologia che promettono di ridurre le distanze tra le scienze della natura dalle scienze dell’uomo in termini di falsificabilitÓ e cumulativitÓ dei risultati.

L’origine di questo approccio, definibile in termini riassuntivi con l’espressione “scienze sociali computazionali”, pu˛ essere fatta risalire agli anni Sessanta quando la diffusione tra gli scienziati sociali del computer ha aperto la strada a un orientamento teorico condiviso da una lunga schiera di studiosi che va da Herbert Simon e Thomas Schelling fino a Joshua Epstein, padre della scienza sociale generativa.

Le scienze sociali computazionali identificano oggi un approccio integrato e interdisciplinare alla ricerca sociale caratterizzato da una particolare enfasi sullo studio della realtÓ con mezzi informatici avanzati, che vanno al di lÓ degli strumenti tradizionali della statistica e della matematica. Arricchitosi del contributo di discipline diverse, il panorama delle scienze sociali computazionali comprende, oggi, vari approcci e metodi:

Uno dei tratti pi¨ interessanti delle scienze sociali computazionali Ŕ la spinta verso un approccio olistico allo studio dei fenomeni sociali in grado di dare conto delle interazioni e retroazioni tra livelli diversi della realtÓ. Le simulazioni sociali, in particolare, rappresentano un valido strumento di analisi delle relazioni che legano il livello micro (basi biologiche del comportamento umano, dinamiche cognitive individuali) con il livello macro (comportamenti di gruppo, dinamiche culturali, sociali, economiche e istituzionali) della realtÓ.

L’approccio computazionale alla scienza sociale risulta ampiamente sviluppato in alcune aree: l’indagine sociologica e l’economia stanno conseguendo risultati molto promettenti sul piano dell’analisi, della spiegazione e, in alcuni casi, della predizione dei fenomeni oggetto di indagine. In questo contesto, Ŕ sicuramente opportuno riflettere sulle intersezioni tra la scienza giuridica e le prospettive dischiuse da questo paradigma scientifico, sia dal punto di vista delle implicazioni teoriche (per il contributo che le scienze sociali computazionali possono offrire alla scienza del diritto, nel recupero della dimensione sociale del fenomeno giuridico), sia con riguardo a profili pi¨ immediatamente operativi (si pensi, solo per fare un esempio, al supporto che gli strumenti e i metodi oggetto delle scienze sociali computazionali sono in grado di dare alla elaborazione delle politiche pubbliche dalla fase del rulemaking fino all’applicazione amministrativa e alla verifica dei risultati).

Il numero speciale della Rivista intende raccogliere contributi che, partendo da prospettive diverse (diritto, informatica giuridica, sociologia, economia, fisica, scienze cognitive, scienze sociali computazionali ecc.), propongano riflessioni teoriche su possibili percorsi di ricerca in questa area o, ancora, presentino e commentino esperienze di applicazione dell’approccio delle scienze sociali computazionali al diritto. Saranno considerati di particolare interesse i contributi di carattere interdisciplinare.

I contributi, in lingua italiana o inglese - di lunghezza non superiore ai 56.000 caratteri, in uno dei seguenti formati: MSWord, Open/Libre Office, LaTeX - dovranno essere inviati congiuntamente ai curatori (faro@ittig.cnr.it, nlettieri@unisannio.it) e alla segretaria di redazione Simona Binazzi (redazione_IeD@ittig.cnr.it).




Date importanti


15 gennaio 2012


invio del titolo e dellabstract

31 gennaio 2012


conferma della pertinenza

31 marzo 2012


invio del contributo

30 aprile 2012


commenti ed eventuali richieste di revisioni

30 maggio 2012


versione finale del contributo