Informatica e diritto, VIII Annata, Vol. VIII, 1982, n. 2, pp. 79-91

Costantino Ciampi

Intelligenza artificiale e sistemi informativi giuridici

L'analisi delle linee di sviluppo dell'informatica giuridica dai suoi inizi a oggi mostra che l'ambito applicativo delle nuove tecnologie s'è andato gradatamente estendendo dai problemi del reperimento dei dati giuridici a quelli della redazione automatica di atti e da questi alla rappresentazione del contenuto delle leggi in un linguaggio formale atto ad agevolare il giurista nel suo lavoro d'interpretazione e applicazione della norma. A quest'ultimo tipo di problemi si ricollegano le ricerche sulla "intelligenza giuridica artificiale" che si occupano dell'analisi del linguaggio naturale e delle tecniche di risoluzione dei problemi. I sistemi di documentazione automatica costituiscono uno strumento imperfetto per l'utente, cui rimane comunque il compito di formulare in maniera appropriata la domanda all'elaboratore e di ricavare dai documenti ottenuti in risposta l'informazione desiderata; in quest'ambito possono essere di grande aiuto le tecniche d'intelligenza artificiale applicate ai problemi di comprensione del linguaggio naturale. E' però ipotizzabile anche un "sistema intelligente" in grado d'indicare la valutazione giuridica d'una data azione, fornendo una vera e propria consulenza legale all'interessato. Per superare le difficoltà che s'incontrano nell'affrontare il problema della simulazione su calcolatore del ragionamento giuridico e dei processi decisionali giuridici s'è fatto ricorso alla logica e all'euristica. Nell'automazione del calcolo logico formale si sono conseguiti importanti risultati, ma, partendo da posizioni antiformalistiche, s'è manifestato il dubbio che il modo di ragionare del giudice sia legittimamente ed esaustivamente riconducibile a rigidi algoritmi deduttivi; di qui è sorta l'esigenza d'applicare le regole euristiche all'analisi di processi induttivi caratteristici dell'attività giuridica. Nonostante le reazioni emotive, metodologiche, politiche e filosofiche all'introduzione delle tecniche dell'intelligenza artificiale nel diritto, e anche se si è ancora lontani da razionalizzazioni rilevanti sul piano pratico, rimane comunque d'indubbio valore l'interesse teorico di queste ricerche.

vai al testo integrale / see full text