Informatica e diritto, XXXIX Annata, Vol. XXII, 2013, n. 1, pp. 99-113

Federico Cecconi, Giulia Andrighetto, Rosaria Conte

How Social Norms Can Make the World More Regular and Better

Is there any difference between social norms and mere regularities emerging spontaneously from the behaviours of entities that have no norm-based cognition? And if so, which effects do we expect to observe in a world in which agents are endowed with such a type of cognition?
The agent-based simulations presented here are aimed to understand what would happen in a world populated by normative agents, able to recognize norms and to reason upon them, compared to other, cognitively, less complex agents, following only their own individual goals.

Come le norme sociali possono rendere il mondo più ordinato e migliore

C'è qualche differenza tra norme sociali e semplici regolarità che emergono spontaneamente dai comportamenti di entità che non hanno alcuna forma di cognizione normativa? E se sì, quali effetti ci aspettiamo di osservare in un mondo di agenti che sono dotati di un tale tipo di funzioni cognitive? Le simulazioni basate su agenti qui presentate hanno l'obiettivo di comprendere le differenze tra un mondo popolato da agenti normativi, in grado di riconoscere norme e di ragionare su di esse, e un mondo popolato da agenti, cognitivamente meno complessi, che seguono solo i loro obiettivi individuali.

vai all'anteprima / see preview